Terminal Infection for the Greatest City in the World

Exiting from Rome’s Stazione Termini – itself one of Rome’s iconic buildings and the mis-en-scene of Vittorio de Sica’s heartrending 1953 film ‘Stazione Termini’, AKA in a bad US cut version as ‘Indiscretions of an American wife’, starring Jennifer Jones and Montgomery Clift –

220px-Terminal_Station_poster

one enters the city’s largest square the Piazza dei Cinquecento (incidentally, named cinquecento, ‘500’, in memory of the Italian soldiers who died in the 1887 battle of Dogali against the Ethiopian empire. I would have preferred Piazza Termini or even Terme….imperialism is somewhat out of fashion now!)

(Battle of Dogali – Italy’s late bid for an Empire…)

The square has, beyond the seemingly interminable bus stands, the ruins of the greatest Roman baths of the city, Diocletian’s, which date back to 300 AD.

1174

(From Bannister Fletcher’s plan of the baths)

These baths, besides comprising the Michelangelo-designed Santa Maria degli Angeli, contain the main part of Rome’s (and perhaps the world’s) finest museum of classical antiquities.

The National Roman Museum was founded in 1889 with the intention of being one of the main “Centres of historical and artistic culture of re-united Italy”.

The museum has been reorganized into four separate divisions, each in a different location:

These are:

  • The National Museum of Rome in Diocletian’s baths (visited in 2011).
  • The Palazzo Altemps (which I visited in 2017)
  • The Palazzo Massimo (visited in 2011 and again this year)
  • The Crypta Balbi (not yet visited).

The palazzo Massimo is conveniently placed near the Stazione Termini and on the morning of my departure from Rome I was able to visit it in the company of my two friends, John and Carol.

The palazzo itself is a massive nineteenth-century neo-Renaissance style building with great views over the ‘cinquecento’ square,

 

 

It is most suitable for housing one of the most important ancient art collections in the world: sculptures, frescoes, mosaics, coins and goldsmiths’ works document the evolution of Roman artistic culture.

Here is the plan of the Museo di Palazzo Massimo:

 

 

 

We wisely started on the second floor where frescoes, stuccoes and mosaics document the decoration of prestigious Roman residences. Here I was particularly struck by the evocative frescoes of the pomegranate gardens of the Emperor Augustus’s wife, Livia Drusilla’s villa, here recomposed from its original location at Prima Porta, and the Farnesina villa.

 

 

Isn’t it easy for any ornithologist or botanist to recognize the life in these pictures, even after two thousand years? Spot the hoopoe (Upupa in Italian).

 

 

The mosaics and intarsia are equally astounding.

 

 

Suddenly I felt a déjà vue. Of course, I have been here before! It was in 2011, with my wife Sandra on a visit to meet school friends John Wagstaff and Martin Cardwell at Piazza dell’Esedra.. Such is the richness of the Imperial city however, that I saw these wonders with new eyes.

Image00171

(Me and old school-mates with consorts at fountain in piazza dell’Esedra, 2011)

The first floor is dedicated to the development of sculpture and portraiture. Here is the girl from Anzio and Roman copies of celebrated Greek statues: the discus thrower, the crouching Aphrodite:

DSC00559

Surely Bagni di Lucca’s own bather is inspired by her.

Ninfa_Termale_androne_Comune_di_Bagni_di_Lucca

(Statue in foyer of Bagni di Lucca’s town hall)

Then there’s the discus thrower, and the gender-bending sleeping hermaphrodite.

 

 

I was particularly taken by the bronze sculptures which are all that remain of Caligula’s ceremonial ships dredged from the lake of Nemi in 1930’s after centuries of futile effort in recovering them.

 

 

Sadly, the hulks were the victims of the last war. The description in the museum states they were destroyed by arson in 1944. My HM government pamphlet on destruction of monuments in Italy in WW2 issued in 1945 states that they were set alight in a revenge attack by retreating German troops. A more recent report describes the situation thus:

At that time, Allied forces were pursuing the retreating German army northward through the Alban Hills toward Rome. On May 28, a German artillery post was established within 400 feet (120 m) of the museum … An official report filed in Rome later that year described the tragedy as a wilful act on the part of the German soldiers. A German editorial blamed the destruction on American artillery fire. The true story of what happened that night will probably never be known

What will also never be known is what happened to ‘Project Diana’ of 2004 to rebuild these ships in their original size (sufficient drawings exist for this to be achievable – the Nemi museum now only houses copies built to one fifth the original size). Anyway, let us be grateful that at least these impressive bronze pieces have survived from what must have been hugely impressive galleys. But if only they’d waited to dredge them after that war!

Also to wonder at on this floor is the Portonaccio sarcophagus: a virtuoso piece of sculpture describing battles fought by one of Marcus Aurelius’ generals.

 

 

Isn’t the lighting in this museum superb!

The ground floor houses stunning original Greek sculpture found in Rome: the Boxer, the Hellenistic Prince and the Niobe from the Sallustian gardens, and culminating in the statue of the emperor Augustus, Pontiff Maximum.

 

 

Time was now no longer on my side and, besides, there is only so much one can take in, even if it is the finest Roman collection of Roman antiquities in the world.

A surprisingly good lunch was followed by a heart-felt goodbye to my dear friends

Image00117

and a hasty departure to catch my train to Pisa and thence to Bagni di Lucca, homeward bound to Longoio.

 

 

It was a journey of a little over six hours on the coast railway which always gives splendid views and is somewhat cheaper than going on the TAV to Florence (which actually doesn’t cut the journey time very much especially when one considers it takes longer to get from Bagni di Lucca to Florence than from Florence to Rome!)

Goodbye beautiful Eternal City. See you soon again!

 

PS As I approached Lucca I thought of the words of the magnificent ‘Inno a Roma’ composed by that city’s most famous son, Giacomo Puccini. Here it is conducted by my friend Andrea Colombini in Vienna’s Musikverein. (yes we were there!!!!!). See words below with my translation,

PPS Here are my return train tickets:

Image00003

In case you didn’t work it out, it cost me £22.59 to travel 237 miles without any rubbish pre-booking – just on the spot.  Check that out with a typical UK train fare….

 

 

Inno a Roma

Roma divina, a te sul Campidoglio
dove eterno verdeggia il sacro alloro,
a te, nostra fortezza e nostro orgoglio,
ascende il coro.

 Salve, Dea Roma! Ti sfavilla in fronte
il sol che nasce sulla nuova Storia.
Fulgida in arme, all’ultimo orizzonte,
sta la Vittoria.

 Sole che sorgi libero e giocondo,
sul Colle nostro i tuoi cavalli doma:
tu non vedrai nessuna cosa al mondo
maggior di Roma.

 Per tutto il cielo è un volo di bandiere
e la pace del mondo oggi è latina.
Il tricolore canta sul cantiere,
su l’officina.

 Madre di messi e di lanosi armenti;
d’opere schiette e di pensose scuole,
tornano alle tue case i reggimenti
e sorge il sole.

 Sole che sorgi libero e giocondo…

 

(My translation:

Hymn to Rome

Divine Rome, our choir’s voices soar towards you

on the Capitoline hill

where the sacred laurel is eternally green;

our choir rises to you, our fortress and our pride,

 

Hail, Goddess Rome! the sun, born in a new chapter of history,

shines before you.

Victory strides

resplendent in arms, upon the new horizon,

.

The sun, rising free and jubilantly,

tames the horses on our hill:

you will not see anything in the world

greater than Rome.

 

Throughout the sky flags are flying

and today the world’s peace is Latinate.

The tricolour flag sings on the construction site

and on the factory.

 

Mother of harvests and woolly flocks,

of honest work and diligent schools,

our regiments return to your homes

and the sun rises.

 

A sun that rises free and joyous …)

 

PS The basement of Palazzo Massimo displays a large numismatic collection and the sceptres of the Imperial Insignia, in addition to the jewels coming from sumptuous funerary furnishings such as that of the girl from Grottarossa. Another reason to return and see what jewels the girl was wearing when she died so young…

 

 

 

 

Advertisements

John Wesley a Londra

John Wesley (1703-1791) è stato un chierico e teologo inglese che, assieme al fratello Charles e il compagno chierico George Whitefield, fondò il Metodismo.

dscn5132_11984072676.jpg

Se uno pensa ai santi detti ‘sociali’ di Torino, come Don Bosco e Cottolengo, e alle missioni dei passionisti in Italia si può avere una buona idea dell’impatto speciale sulla chiesa anglicana del settecento che ebbe il metodismo.

Dopo essersi laureato a Oxford Wesley fu ordinato prete anglicano. Formò un ‘club della santità’ il quale scopo era di studiare la Bibbia a fondo e di riscoprire le radici di una vita cristiana devota.

Si deve capire che la chiesa anglicana in quell’epoca non aveva grandi aspirazioni ad una vita di profonda ispirazione religiosa. Era, in fondo, niente altro che un riflesso della società inglese con il suo sistema di classi stratificati di nobili, mercanti e manovali.

Wesley cambiò tutta questa struttura ortodossa dettata dai politici in potere. Nel 1738 si sentì nel cuore uno ‘strano calore’ che gli segnò una seconda conversione ad un cristianesimo più vicino al popolo e più corrispondente alle esigenze sociali.

Per quasi tutto il resto della sua lunga vita John Wesley fece più di trecento mila (!) kilometri di viaggi a cavallo predicando all’aperto, in qualunque luogo si trovava, ad una folla senza distinzione di classe o di cultura o di colore, portando il messaggio che tutti potevano essere salvati se aprivano il cuore alla grazia di Dio.

dscn5066_12060491321.jpg

In questo senso Wesley abbracciava la dottrina Arminia di redenzione a dispetto del compagno Whitefield che rimaneva calvinista e credeva nella predestinazione.

Quando fu chiesto qual’era la sua parrocchia Wesley rispose ‘tutto il mondo è la mia parrocchia.’

La Chiesa anglicana diventò disturbata da questo predicatore, che molti pensavano fanatico, e lo proibì di predicare nelle sue chiese. Wesley, però, rimase sempre un prete anglicano e solo dopo la sua morte si fondò una congregazione separata, chiamata metodista, dopo la maniera meticolosa nella quale si studia le sacre scritture.

Questa congregazione ora conta più di ottanta milioni di devoti nel mondo.

Oltre a essere un grande predicatore Wesley fu anche un notevole benefattore dei poveri. Nelle sue missioni c’era sempre la mensa per gli affamati, la scuola per i bambini (molto prima che le scuole diventassero obbligatorie), e un centro sociale dove il popolo poteva riunirsi per discutere questioni religiose e laiche.

Le prime cappelle metodiste furono costruite su pianta ottagonale per avere un’acustica migliore per sentire le prediche e cantare gli inni. Il metodismo è famoso per la sua grande tradizione musicale. Il fratello di John, Charles, scrisse 6,500 inni tra i più belli mai composti e certi dei quali, in traduzione, hanno trovato posto anche nella Chiesa cattolica d’Italia.
Questa grande tradizione musicale fu continuata con i figli di Charles: Samuel, detto ‘il Mozart Inglese’ e Charles Junior, anch’esso compositore di bellissime sinfonie. Il figlio di Samuel, Samuel Sebastian Wesley (1810-76) fu un grande riformatore della musica liturgica anglicana.

Ora, però, le chiese metodiste sono generalmente costruite più a forma di grandi capanne.

Pochi passi a nord della City si trova la cappella madre del metodismo. Costruita nel 1778 da George Dance the younger è un sobrio e elegante edificio molto adatto alle prediche e con delle bellissime vetrate.

Al retro della Chiesa c’è un piccolo camposanto dov’è sepolto Wesley:

dscn5075_1910672354.jpg

Nella cripta c’è un interessantissimo museo che illustra la storia del metodismo.

Per me, però, la parte più suggestiva è l’attigua casa di Wesley che, tra altri cimeli, contiene un suo apparecchio che generava elettricità usato per trattare certi malanni. Il giardino cresce semplici che usava Wesley come descritti da lui in uno dei suoi tanti scritti sulla salute e il benessere.

L’energia inesauribile di Wesley poteva stancare molta gente, in particolare l’amico Doctor Johnson, menzionato in un mio recente post. Fino all’età di 87 anni, però, John Wesley fu sempre in forma, un fatto alquanto raro quando si parla del secolo diciottesimo!

Potrei definire Wesley un religioso pressoché socialista. Le sue preoccupazioni verso le ineguaglianze sociali dell’epoca furono fonte delle grandi opere che fece nell’aprire le mense, le scuole, gli ospedali e nel diffondere, non solo un più aperto approccio alla spiritualità, ma un rinnovato senso di responsabilità e di amore verso l’umanità.

Le sue ultime parole furono ‘la migliore cosa di tutto è che Dio è con noi’ .

Non è per caso che John Wesley sia stato elencato cinquantesimo fra i cento inglesi più amati ed importanti di tutti i tempi.

Cor riscaldato

nelle fiamme divine:

l’amor di Dio. 

 

Vicenza’s Palladian Splendour

Such iconic London buildings as Greenwich’s Queen’s House or Whitehall’s Banqueting Hall (in front of which King Charles I was beheaded) and Saint Paul’s church at Covent Garden – London’s first true ‘piazza’ – could never have been built had it not been for Inigo Jones’ (1573 – 1652) visit to Italy and, in particular, to Vicenza where he studied the buildings of Andrea Palladio (1508 –1580). Jones truly initiated the architectural style revolution marking the vast difference between such buildings as Hatfield House and Chiswick House.

 

(From top left clockwise, some buildings by Inigo Jones, Banqueting house, detail of same, Queen’s House, Saint Paul’s)

Palladio exemplified the English eighteenth century architects’ ideal and his ‘Four books on Architecture’ (1570) (of which Inigo Jones annotated a copy, now at Worcester College Oxford) were incredibly influential for the Augustan movement and the development of neo-Palladianism in Britain. Palladio’s villas, especially, became models for the distinctive English country house. In short, without Palladio there would have been no Wren, Campbell, Chambers, Hawksmoor, Adam or even Soane. As Goethe stated when he saw Palladio’s works for the first time on his famous first journey to Italy ‘n 1786

There’s something divine in his designs, nothing less than the strength of a great poet, who from truth and fiction derives a third utterly fascinating reality.

I have always wanted to visit Vicenza The serendipitous invitation of a visit to this city by a friend I had not seen since university days, and who has since become a distinguished restoration architect, got me jumping on a train for a town which is a UNESCO world heritage site. I had to delay my visit by one day because of the atrocious meteorological conditions Italy has been massacred by, with landslides, floods, inundations and several dead. However, despite this, I did manage to reach Vicenza and the sun was shining there!

Image00070

(Friends re-united in Vicenza)

Because of the fine weather we decided on a walking trip to see the city’s exquisite palazzi. One of the first we came across was the palazzo Porto in piazza Castello, clearly unfinished but no less gorgeous because of that. Note the wonderful entasis of the columns, tapering in slightly thinner upper form to give sheer elegance to the mansion’s appearance.

 

There are also many buildings dating earlier, to the Venetian gothic style, including the fabulous Ca d’Oro (golden house).

 

My architect friend pointed out that Palladio was as much a low-cost (in materials used) architect as he was a high-class one. Columns which seem of marble are, in fact, brick covered with stucco. Even rusticated blocks are jagged bricks spread over with rendering!

Image00153 - Copia

Palladio has been criticised for this but, after all, he saved his clients a lot of money by not having to transport expensive blocks of marble large distances from mountain quarries, (Vicenza is built on an alluvial plain).

 

Palladio has also raised problems for restorers of his creations. How much should be restored before the thing becomes overdone? Another problem is that so many of Palladio’s buildings were left unfinished at the time of his death and only completed, largely by his pupil Vincenzo Scamozzi (1548-1616), who may have altered his master’s plans to some degree and who has been saddled with  a sort of Mozart-Salieri type syndrome which fortunately has now been largely discredited.

It was a wonderful time visiting this noble city which has the great advantage of being free of the tiresome cruise-ship rabble which now sadly infests nearby Venice and has even caused one-way pedestrian circuits to be installed there.

Here are some of the Vicentine buildings and streetscapes we saw.

 

(PS Do note the original Juliet balcony for it was in this very house that Luigi Da Porto wrote the novella which Shakespeare turned in the play ‘Romeo and Juliet’)

For lunch we stopped to eat in the city’s Piazza dei Signori where I feasted on Vicenza’s dish par excellence ‘Bacalà alla Vigentina con Polenta.’ (Stockfish vicentine-style with polenta). Delicious!

Image00021

 

My favourite building was this one: the palazzo Chiericati (1550) which houses a marvellous art collection.

I love the loggias at each end which clearly must have inspired Inigo Jones’ Queen’s house at Greenwich.

I stayed at my friend’s apartment at https://www.bed-and-breakfast.it/it/veneto/bob-and-jennys-bed-and-breakfast-vicenza/6761  . To be  highly reccommended!

 

The following day was dull and showery so we spent the morning in the very cleverly (perhaps too cleverly) arranged Palladio museum housed in a wonderful palace he designed.

The models of the architect’s principal buildings were brilliantly done and the explanation of Palladio’s theory of proportions (which he derived from studying ancient Roman buildings and, especially, from the treatises of Vitruvius) was clear.

I gasped at the perfection of Palladio’s ‘Teatro Olimpico’, the world’s first purpose-built theatre, with its fantastic stage perspective.

I can now say that I’ve seen the three great renaissance theatres of Italy: the other two are at Sabbioneta (which we visited in 2007)

and at Parma ,(Teatro Farnese) which we saw in 2015.

In the afternoon we climbed the Monte Berico via ‘Le scalette’.

There’s also a three-kilometre gallery by Francesco Muttoni (1780) which will get one there.

At the top is the sanctuary of the Madonna of Monte Berico, originally built to commemorate an apparition of the Virgin who also saved the city from the plague. The sanctuary’s mediaeval nucleus was expanded by Carlo Borella with a Palladio- based centralised classical church built at the end of the seventeenth century.

The best thing about this site, however, are the wonderful views one gets of the city of Vicenza and beyond to the Alps, which already have their peaks covered with snow. It’s a pity the day could not be clearer – a good reason, however, to return.

In the evening we went to the Piazza dei Signori where the city’s symbol the ‘Basilica Palladiana’ is situated. Palladio surrounded the mediaeval hall with a beautiful arcade which he had to fit around the often irregular ancient vaults. Indeed, if one looks closely one can see that the end arches are not quite the same as the rest of the porticoes.

Here we were treated to an imaginative son et lumière which also recounted the disastrous event of 1945 when allied bombing set fire to this wondrous building and almost destroyed it. We also took in some halloween celebrations – Vicenza style.

The very high and very slim bell-tower next to the basilica was fortunately unharmed and somehow adds a slightly oriental touch to the complex of buildings – a classical minaret perhaps.

We had to depart on our separate ways the following morning: I for Longoio and my friends for Bologna and Ravenna.

I cannot wait to return to Vicenza in brighter weather for there are all those beautiful Palladian country villas still to visit. At least I have already seen one of them, the Villa Emo, on a visit to the Treviso Region!

 

Le Ostriche di Whitstable

Situata sulla costiera nord della contea di Kent, Whitstable è un ridente centro le cui fondazioni risalgono all’era romana. Cresciuto da un villaggio di pescatori è poi diventato una meta per le scampagnate dei Londinesi che la raggiungevano per vaporetto lungo l’estuario del Tamigi.

Ci siamo stati per la prima volta nel 1983 e poi nel 1985.

new folder002698135668..jpeg

Ultimamente eravamo li nel 1998.

 

Ora, dopo un periodo di decadenza nelle sorti della cittadina, quando gli inglesi l’abbandonarono per le vacanze attorno il Mediterraneo, Whitstable è ritornata di moda ed è frequentatissima – affatto com’era quando siamo prima stati lì molti anni fa’. Questo cambiamento si riflette nel prezzo delle case e nell’offerta più vasta dei negozi. (Speranza per Bagni di Lucca?)

Il mare di Whitstable non è per niente profondo ed è idoneo per la raccolta di crostacei, ostriche e vongole. Il porto fu ideato da Thomas Telford, il grande ingeniere del secolo diciannovesimo che ispirò Nottolini, l’architetto del ponte delle catene a Fornoli. Attorno il porto ci sono le caratteristiche capanne dei pescatori, un mercato del pesce e dei gustosi ristoranti ittici.

Sebbene non abbia edifici di altissimo interesse storico, Whitstable contiene un suggestivo insieme di caratteristiche case ‘clapperboard’, cioè rivestite di assicelle di legno e degli edifici dell’era Giorgiana che ne fanno della sua high Street un attraente insieme pieno di varietà.

La spiaggia non è un gran che, composta dalla più parte di ciottoli. Ha, però, la sua atmosfera nordica con il miagolare dei gabbiani e le famiglie che vanno in cerca di granchi. Ho notato pochi nuotatori….

La galleria d’arte merita una visita.

Come lo merita anche il museo, che contiene un’antica locomotiva a vapore del 1830, Invicta, costruita da Stephenson figlio, e che operò nel primo servizio regolare di treni per passeggeri sulla linea conducente a Canterbury.

Come consueto, abbiamo concluso la nostra giornata a Whitstable in un pub. Ci è particolarmente piaciuto questo di epoca vittoriana. Evidentemente il landlord era appassionato di vecchie radio….

Ciao Whitstable e….alla prossima!

Anni passati,

il volo dei gabbiani:

maree nel tempo.

 

Il Museo del Ventaglio a Londra

Ventagli a Londra? In un paese noto per i suoi venti d’isola atlantica? Eppure a Greenwich, zona nota per le sue famose associazioni marittime: con il suo veliero ‘Cutty Sark’ e il suo museo navale, esiste anche un museo delizioso del ventaglio.

Fondato da una signora eccezionale, Helene Alexander, nata in una città un tempo cosmopolita, Alessandria d’Egitto, il museo è alloggiato in due eleganti case settecentesche con una limonaia affrescata e un bel giardino con parterre a forma di…ventaglio.

 

Sono a pochi passi dal luogo dove nacque la regina che portò la moda del ventaglio in Inghilterra dall’Italia, Elisabetta I, detta ‘Gloriana’, che qui nacque nel palazzo presso il Tamigi di Greenwich nel 1553.

Il museo inizia con una stanza che descrive i vari tipi e la tecnica del ventaglio. Ci sono ventagli rigidi e quelli piegabili che possono essere composti da un unico materiale plissettato con stecchini oppure montati con lamette filettate. Ci sono ventagli a mezza luna e quelli a coccarda. Insomma, ci sono ventagli di ogni tipo, di ogni epoca e da ogni paese, incluso quelli raffinati orientali.

La collezione dei migliaia di esempi della signora Alexander non può naturalmente essere esposta tutta d’un colpo e così, ogni due volte all’anno, gli esempi vengono cambiati per dimostrare temi diversi. Al tempo della mia recente visita il tema era il ventaglio ‘a stampa’ che uscì per la prima volta all’inizio dell’ottocento. Prima di questo tempo i ventagli erano tutti dipinti a mano.

Nel museo ci sono esemplari che risalgono all’era faraonica. Ci sono quelli che furono dipinti da grandi artisti (c’è perfino uno dell’artista Gauguin!)

Ci sono quelli di pubblicità delle grandi esposizioni e avvenimenti dell’ottocento e quelli della massima delicatezza fatti di pizzo nell’era rococò.

Quello che mi ha particolarmente interessato è la maniera nella quale il ventaglio, da un arnese per scacciare via le mosche noiose o per rinfrescare la pelle sudata in una giornata afosa, si sviluppò in un accessorio di moda essenziale quanto come il guanto, l’anello, il braccialetto o il cappello.

In più, il ventaglio creò il proprio linguaggio in un epoca dove i sentimenti erano controllati da una rigida etichetta sociale. Il ventaglio diventò, infatti, l’estensione della mano, un raffinato ‘body language’ con il quale le donne potevano esprimere sentimenti delicati senza pudore e senza svelare segreti intimi davanti ai loro galanti e mancante la consapevolezza del marito.

In questo riguardo è affascinante vedere il seguente filmetto.

La bellezza del ventaglio è che è ritornato di moda. I pop star, come Rihanna, si sono visti con questo delizioso accessorio e già, negli sovente grevi ambienti estivi di un Italia torrida, noto un maggior numero di signore eleganti col ventaglio a mano.

Via con l’aria condizionata, o quei orribili ventaglietti a pila, dico io! Meglio che ritorni il ventaglio nelle mani delle femmine che, con la sua espressività, può comunicare la passione della Carmencita, oppure la galanteria di una Pompadour, e dare una carnagione rosea a tutte.

 

Chissà le guancia

calmate dall’ardore,

con un ventaglio.

 

 

Make a Day of it to Pisa Airport

Early flights from Pisa to the UK are all very well if the airfare is truly cut-price, if you have a private means of getting to the aerodrome and, most important, if you can bear to shift yourself from the snug warmth of your bed at an unearthly early hour. Otherwise, why not take a train to Pisa the day before your journey, check into a place near the airport and enjoy more of the inexhaustible delights this lively city can offer?
My favourite check-in place is Pisa Hostel in Via Corridoni just 6 minutes from the railway station and a brisk 15 minutes walk to the Galileo ‘s departure lounge. If you are a couple (or two couples) you can have your own room; otherwise you can share a four-bunk-beds and en-suite bathroom with others.
The place is truly fun. You can have a great eat-as-much-as-you-like buffet for Euros 8, get the best scrambled eggs in Tuscany at 4am before walking across to your flight, have a jam session on the musical instruments provided for guests, laze in the garden, meet and exchange notes with other world travellers and, most important, have friendly and helpful staff who will bend backwards to make your shortest stay a pleasant one. And all this accommodation for euros 13 a night!

Of course, if you still crave for your boutique hotel….

 

 

My afternoon walk around Pisa took me to the new fortress whose otherwise delightful gardens were turned into a small lake thanks to the deluge of rain we’ve been having.

wp-15217878519811838202094.jpeg
I crossed the Arno, on the way passing the bombed-out wreck of a palazzo where in 1821 Shelley wrote his elegy ‘Adonais’ on hearing of the death of his contemporary Keats; a situation which is the subject of a friend’s, David Reid, recent poem.

 

 

On the Arno’s northern bank I visited my private museum which includes a collection of some of the most superb Pisan paintings and statuary. Or so it seemed my own private museum to me. For three hours there were no hoards of tourists to obstruct my views, no peering guards, no interference to the meditative pleasure of gazing on some of the most exquisite women, the most animated scenes, the noblest religious representations by artists which included greats like the Pisano family and even a Masaccio, all beautifully presented in the old convent of San Matteo.

 

 

When I told the entrance staff how much I enjoyed my visit but was surprised that I was the only visitor he replied ‘that’s what they all say. But isn’t it better like this? You can truly enjoy the beauties around you without the distraction of all those tourists like you get in the Uffizi.’ I had to agree!
I walked along the Lungo Arno which I find quite as beautiful, if not more than Florence’s, especially when a transcendent sunset was colouring it.

dscn7995_1-831537671.jpg

I began to feel peckish and so headed for my favourite Chinese restaurant near the Palazzo Blu. The menu is well translated into Italian so that my favourite Xiaolonbao became ‘ravioli al vapore’. They were here just as good as the ones we had tasted at Shanghai’s Nanxiang Bun shop.
The spaghetti with Beijing sauce were scrumptious with their spring roll additions, and surprisingly al dente. Again, I knew it was a good place to come to eat by the preponderance of young Chinese customers and the very cordial service.

 

 

Then it was a walk back to the Pisa Hostel via the animated pedestrianised Corso Italia, to the dreaded 4 am wake-up alleviated by those charmingly served delicious scrambled eggs.

I returned to the Great Wen, however, in time for a delicious fish n chip lunch and surprisingly sunny, though windy, weather.

Un Viaggio Attraverso il Tempo a Londra

Saranno poche le città che sono esenti dai grandi problemi che creano i trasporti urbani. Certo, la rete di Londra ha le sue noie di cancellazioni, sovraccarici, e lavori di manutenzione. Però, viaggiare sul piano superiore di un bus double- decker, prendere la prima metropolitana costruita nel mondo, usare il grande sistema di overland – la rete di treni interurbani, e, per me il modo più piacevole, mettersi a bordo sui riverbus che, con velocità sorprendente, ti trasportano lungo un fiume così pieno di storia che è il Tamigi, è un vanto in una delle più straordinarie metropoli del mondo.

Il London Transport Museum a Covent Garden aiuta a spiegare in modo esemplare l’evoluzione dei trasporti pubblici nella grande Londra.

Il primo trasporto era sempre sul Tamigi ed è per questa ragione che i grandi palazzi furono costruiti sulle sue sponde: il Palace of Westminster, Somerset House, Hampton Court, per esempio.

Più tardi vennero le portantine dei nobili, le carrozze, le famose Hansom cab ed, infine, i primi treni che aiutarono a espandere la città a forma di ragnatela lungo le nuove linee ferroviarie.

Vennero anche gli omnibus, prima trainati da cavalli, poi dal vapore ed infine col motore a scoppio.

Intanto, le linee del underground erano sempre in continuo sviluppo. Infatti, in molti casi le stazioni furono costruite prima dei centri urbani che dovevano servire, aiutando così a trasformare Londra in una delle prime megalopoli mondiali. Erano anche le stazioni della metropolitana a proteggere gli abitanti dalle stragi naziste durante l’ultima guerra quando furono usati come rifugi anti-bombardamento.

 

 

I tram a Londra furono introdotti solo negli anni 1890, un po in ritardo in confronto con le altre città europee. Erano a due piani e non dovevano circolarsi a capolinea per ricominciare il viaggio, avendo due posti di controllo, avanti e indietro. In più, la loro sorgente elettricità era fornita da un terza rotaia scavata sotto la strada.

Con l’invenzione dei filobus la stagione dei primi tram non durò molto a lungo e l’ultimo scomparve nel 1952, completando il percorso da Westminster a Plumstead.

 

 

Fortunatamente, molto più tardi, ci fu un cambio di idee, e dal 2000 i tram sono ritornati a far parte del sistema di trasporti a Londra, almeno nel sud della città, (come sono pure ritornati a Firenze.)
Il museo dei trasporti di Londra descrive i nuovi sviluppi. Tra poco sarà aperta la Elizabeth line, una linea che faciliterà i viaggi da est a ovest di Londra. In più, nuove stazioni e progetti saranno aggiunti ad una città sempre in fase di espansione e sempre cambiando.

Il biglietto museale dura tutto l’anno, necessario perché c’è cosi tanto da vedere… per poi non dimenticare un intero hangar di altri venerabili esemplari di trasporti Londinesi che si trovano a Acton.

 

Infine, si spera che mai più dovranno essere usati le stazioni dell’underground in questa maniera, come lo erano nel periodo 1939-45…

Tram della vita:

alla tua capolinea

chissà l’aspetto?

Potenza Operistica a Londra

Il museo londinese, ‘Victoria and Albert’, è il mio prelibato tra quelli tanti della capitale. Qualche mese fa è stata aperta un’entrata sul lato che dona ad una nuova piazzetta ricoperta di ceramiche luccicanti .

 

Questa piazzetta è stata creata da uno spazio occupato precedentemente da un centro termico. Il muro che lo confina è stato ‘aperto’ e trasformato in un colonnato.

 

L’architetto del complesso (che è costato 55 milioni di sterline) è Amanda Levete. Tutto questo, ovviamente, ha suscitato lodi e critiche. Il parere vostro?

Il cortile conduce a una nuova sezione del museo che contiene uno spazio espositivo sotterraneo di grandi dimensioni.

dscn5038_1-720x960-455805177.jpg

La prima mostra aperta in questo spazio è dedicata alla potenza, la passione e la politica dell’opera lirica presentata in varii tableaux.

Si comincia con Monteverdi e ‘l’incoronazione di Poppea’, la prima opera ‘pubblica’ nel senso che gli spettatori erano ora i cittadini di Venezia e non più quelli di una corte aristocratica. Qui l’atmosfera dell’epoca viene mostrata tramite strumenti e oggetti di lusso.

 

Il biglietto d’entrata, a prezzo di circa venti euro, (prezzo normale per le mostre londinesi) include il noleggio delle cuffie che ricevano brani musicali automaticamente rivolti a quello che uno sta guardando senza che uno debba premere bottoni numerati sull’apparecchio.

Da Monteverdi si passa a Handel (Rinaldo) con una scelta di manoscritti, costumi per castrati e un’intera  sceneggiatura barocca con macchine teatrali.

 

Si entra, poi, nel mondo eccelso di Mozart e ‘Le Nozze di Figaro’. Qui è esposto il pianoforte che usò Mozart a Praga e il commovente ultimo suo ritratto, dipinto dal Lange e non completato (come, pure, si potrebbe dire della vita del compositore).

 

Verdi segue col ‘Nabucco’, inequivocabilmente legato al risorgimento.

dscn5030_1-540x7201680699229.jpg

Una composizione fotografica di 150 teatri lirici d’Italia mostra come la lirica sia diventata pressoché l’ossigeno della vita musicale italiana per così tanto tempo.

dscn5028_1-720x5401680699229.jpg

L’incanto italiano sparisce nella sezione seguente dove irrompe Wagner, seguito poi dal ‘Salome’ di Richard Strauss

 

La sensualità è ora avvolta in scandalo e sangue, come si vede nella testa del battista, scolpita da Rodin.

dscn5033_1-540x4501680699229.jpg

La rivoluzione russa ora entra nel quadro con la ‘Lady Macbeth of Mtensk’ di Shostakovich. Di massimo interesse è un raro film che lo vede comporre l’opera negli anni trenta.

 

La mostra conclude col panorama contemporaneo dell’opera lirica con riferimento a compositori come Philip Glass e Stockhausen.

Non è che abbia imparato molto di nuovo su questa forma musicale, descritta dal Johnson nel settecento come ‘costosa e irrazionale’. Per i visitatori meno consapevoli sarà certo stata una rivelazione. Per me, invece, la meraviglia era di vedere così tanti oggetti iconici presentati qui: uno dei soli due manoscritti di ‘Poppea’ tra altre cose. Gli sponsor della mostra includono la Royal Opera House di Londra ed è ovvio che il motivo principale della mostra è quello di motivare più persone ad apprezzare la lirica, ancora considerata piuttosto ‘elite’ in Inghilterra. In più, vuole dimostrare che la lirica non è una forma musicale antiquata ma ha un futuro rilevante: poiché ha sempre fatto parte integrale della cultura occidentale con le sue risonanze politiche e passionali. Aggiungerei, però, che la mostra vuol anche fare bella figura alla nuova aggiunta museale e che, in questo modo, dimostra il costo e anche, un po’, l’irrazionalità della cultura contemporanea..

 

Natale Dickensiano a Londra

La casa dello scrittore Charles Dickens che si trova a Doughty Street, Londra, è l’unica rimasta in quella città dove abitò. (Si possono visitare altre sue dimore a Rochester, Broadstairs, Gads hill e Portsmouth). È una tipica casa modesta a schiera dell’era georgiana ma fu qui che scrisse ‘Oliver Twist’, ‘Pickwick papers’ e ‘Nicholas Nickleby’.

 

È in questa casa che Dickens, da poco sposato, ebbe tra le sue più grandi gioie e le sue più grandi tristezze. Ebbe i suoi primi successi letterari ma subì il dolore della morte di Mary, sorella della moglie Catherine, e che abitava con loro, di mal di cuore all’età di soli diciassette anni.

Oltre ad essere la casa di uno dei più grandi romanzieri che il mondo abbia mai conosciuto è un caratteristico esempio di una dimora inglese del diciannovesimo secolo con sotterrato, dove si trova cucina e lavanderia, piano terra con stanze di soggiorno e di pranzo, e due piani con studio e stanze da letto.

 

Era veramente un grande piacere visitare la casa l’altro giorno. Addobbata in maniera ottocentesca per il Natale e esponendo i costumi usati nel film recente ‘l’uomo che inventò il Natale ‘, fu per noi un’altra benvenuta tappa verso i sentimenti natalizi così ben esposti nel esemplare racconto dello scrittore ‘cantico di Natale’ (nella sceneggiatura della quale feci parte un’ anno fa al teatro di Bagni di Lucca).

 

Si, era proprio Dickens che sottolineò il fatto che il Natale non è solo una stagione di festeggiamento nel cupo inverno ma anche una ragione per mostrare generosita a tutti meno fortunati di noi. Se proprio non inventò il Natale Dickens inventò lo spirito di Natale.

Walk Like an Egyptian

Several women, during those retrograde years of the nineteenth and twentieth centuries when most of them were denied a university education, let alone a degree, managed to excel in the newly founded archaeological science of Egyptology.

Amelia Edwards was one of these pioneering females. She began her career as a novelist and wrote a successful ghost story called ‘the phantom coach.’ Amelia’s trip up the Nile in 1873 changed her life. She became transfixed by ancient Egypt and its preservation and as a result co-founded the Egypt Exploration Society.

It was this society which funded Flinders Petrie who, among other finds, discovered the temple of Bastet, the cat goddess.

dscn0679_1723691055.jpg
Petrie, who was born in Maryon road, Charlton London SE, developed a more systematic approach to archaeological excavation with emphasis on stratification of objects found.

Among his students was Howard Carter, the discoverer of Tutankhamun’s tomb.

Petrie expanded the collection started by Amelia Edwards with the help of his assistants (one of which was Fletcher who bequeathed his collection of keyboards to Fenton house, mentioned in my recent post.)

Other early women Egyptologists include Hilda, Petrie’s wife, Margaret Murray, Agatha Christie, Bertha Porter, Alessandra Bobbi, Anna Anderson Morton, Dorothy Eady, Winifred Brunton, Mary Brodrick and Janet Gourlay. It seems that Egyptology truly helped the cause of women’s equality and their right to undertake research.

The Petrie museum in London’s Bloomsbury area cannot compete with the British museum in terms of mummies but it does offer a much more intimate insight into ancient Egyptian life, including the earliest piece of clothing found anywhere in the world.

wp-1509437655809306355740.jpeg

Among the eighty thousand plus pieces in its collection are still-untranslated papyri, late Roman era mummy portraits, votive statues, pottery, and beaded jewellery.

wp-1509437715316200590403.jpeg

I especially liked the beaded dress of a dancer from over four thousand years ago and felt it would still look very good on someone today.

While there we treated by an excellent story-telling Dr. Johnston to perhaps the oldest Egyptian story to have come down to us. It’s about a sailor wrecked on a mysterious island where he meets a serpent who…..(but I won’t spoil this tale for you. You can find it, anyway, on the web).

wp-1509437581408-1603487716.jpeg
The Petrie museum is an excellent antidote to the vast and often crowded halls of the British museum and well worth a visit.

 

 

For further details consult the museum’s web site at https://www.ucl.ac.uk/culture/petrie-museum