The Best Sin of My Old Age

How on earth do they do it in Italy? Get together a cracking professional choir with four supreme soloists, hire two grands and a harmonium, have a truly on-the-ball conductor, find an idyllic setting in a Franciscan monastery, and play Giacomo Rossini’s eloquent, eclectic masterpiece, his ‘Petite Messe Solennelle’, on the occasion of the Pesaro composer’s 150th death anniversary.  Then, after a superlative musical banquet, provide another foody one in the Arcadian grounds of the monastery gardens with pasta, a multitude of finger dishes and a mouth-melting selection of sweets. And all for a voluntary donation to the local Misericordia or emergency and ambulance service…

This wouldn’t happen in London except if one pays for three-digit priced tickets (and then the drinks would be extra, unlike the free-flowing prosecco of Sunday evening).

The simple fact is that in Italy it’s often too much of a bureaucratic bother to set up ticket sales, what with all the government taxes and so forth. Furthermore, Italians are generous towards such organisations as the Misericordia and, of course, the Banks of Lucca are not mean-minded machines like they are in Europe’s former (after March 29th next year, that is) financial capital, but are true Maecenases of the arts.

Rossini packed everything into this greatest of his ‘sins of my old age’ as he termed his post-theatre productions. Giacomo had given up opera over thirty years previously, realising full well that his style was going out of favour (he’d anyway earned his dosh out of writing such masterpieces as the ‘Barber of Seville’ and ‘William Tell’).

It’s a ‘Petite’, (lasting well over an hour…), ‘Messe’ (perhaps that’s right as it’s a hotchpotch with everything from the strictest double fugue counterpoint in the ‘Quoniam’ and the ‘Vitam Venturi’ to heroic arias worthy of the finest operatic stage) ‘Solennelle’ (strictly speaking a Mass is solemn but there are plenty of witticisms in Rossini’s version which can bring a smile to the most dour-faced listener.

The gorgeous evening was also the concluding event in the greatest music festival this side of Lucca. Maestro Roni’s inspiration for the ‘Serchio delle Muse’ (translation unnecessary) was to bring music to the smallest village, to the highest mountain side to the most distant valley. This year was as varied as ever with a concert on the heights of the majestic Pania della Croce mountain, with three wonderful operettas (yes Italy has a great operettic tradition equal to anything that G n S, Offenbach and Lehar can conjure up) and lots more.

If you know nothing of the Serchio delle Muse festival then inscribe it in your brain ASAP. It’s the best thing going around here and more than makes up for the sad demise (temporary, I hope) of Barga Opera.

I should add that the evening was also a nice social event and I met up with truly valuable friends, some of whom had come from Pisa just on my Facebook announcements.

Don’t miss out for next year and the great maestro Roni’s festival if you’re in our lovely part of the world.

 

 

Advertisements

Santa Celestina: a load of hot air?

It was over ten years since I last witnessed the launch of Santa Celestina’s balloon. I wasn’t going to miss her this year!

The Balloon of Santa Celestina is made of paper and powered only by hot air. It’s launched every year around September 8 at San Marcello Pistoiese on the occasion of Santa Celestina, patron saint of the Pistoia Mountains.

Celestina was a third century martyr decapitated by the emperor Valerian, notorious for having dispatched more women than any other Roman emperor. Celestina’s remains found their last resting place in Gavinana and in the church of San Marcello Pistoiese, the busy little market town and holiday resort on the ‘high route’ between our Val di Lima and Pistoia.

 

In 1832 Tommaso and Bartolomeo Cini, during a trip to France and Switzerland, met Elias, son of Joseph Montgolfier, the inventor of the hot air balloon. Returning the visit in 1835, Elias Montgolfier gave Cini, owner of a paper mill of La Lima, a formula for the production of hot air balloon paper and a plan for their construction.

The launch date of the first balloon goes back to 1838 on the occasion of the solemn religious procession in honour of Santa Celestina. The colours chosen for the balloon were those of the Civic Guard flag of which Bartolomeo Cini was commander: green, white and red arranged horizontally (incidentally, the same colours of the Italian flag). These colours are used to this day.

Tradition says that if the balloon goes higher than the church’s bell tower it will be a lucky year for the whole mountain area, otherwise it certainly won’t….

And if the balloon catches fire through the brazier flames then it will be really doom and gloom!

We held our breath in the packed central square. The day was absolutely glorious. The balloon gradually inflated to its full, grand size.

 

I was allowed to take a peek inside the monster. It was terrifyingly hot in there!

 

Then the team held onto the balloon’s rim, crouched down, slowly lifted themselves up, held their hands high and…let go.

 

The moment the balloon left the earth to wend its way up into the bluest of skies felt quite emotional.

 

Luckily for us, the launch was very successful. The old-timers said it was the best they’d seen for years.

dscn2509_1-110463289.jpg

We are, therefore, ensured a prosperous year ahead…at least in our mountaineous part of the world!

 

Some facts about the balloon for the technically minded:

It’s made of 24 strips of paper glued together. It is 15 metres high with a circumference of 30 metres, a total volume of 450 cubic metres and a weight of about 100 kg.

Fornoli’s first vintage car rally

Fornoli’s first vintage car rally took place last Sunday. Although heavy thunderstorms were forecast, a courageous band of cars made it to San Cassiano including several classic cinquine, of which we were the proud owners of one before our accident last April.

The participants were invited to an aperitif and a visit to the local museum where the statue of the knight, said to be Saint Martin and sculpted by the great early renaissance artist, Jacopo della Quercia, is displayed.

We are expecting more bad weather over the next few days and the whole area is under yellow alert. Pity the poor tourists who have chosen this part of the world to spend their late summer holidays…

I was able to view Paul Anthony Davies’ magnificent photographic book of one year in the life of San Cassiano (2016-17). This is definitely a book to treasure, covering all aspects of life in this mountain community.

Anyway here are some of my own snaps of the morning last Sunday at San Cassiano.

 

 

Charlot a Londra

Quando il grande Charlot (o, come gli inglesi lo riconoscono, ‘Charlie Chaplin’), ritornò a visitare i suoi luoghi natali a Walworth nella Londra del sud, vicino alla zona chiamata ‘Elephant and Castle’, non volle visitare un certo edificio. Era l’ospizio di mendicità, il ‘Lambeth Workhouse’, un posto temuto per le sue degradanti umiliazioni e dove la famiglia di Charlot fu intrattenuta per ben due volte prima che il bambino avesse nove anni di vita.
Il padre alcolico era quasi sempre assente da casa e, quando Charlot compì quattordici anni, la sua mamma fu ammessa nel manicomio di Cane Hill, (un luogo conosciuto da noi quando si visitava forse l’allievo più educato della nostra classe di scuola media, e dove morì a causa di una medicina datagli in errore.)

Intanto, il padre di Charlot morì di cirrosi del fegato poco dopo l’entrata della mamma in manicomio.

 

 

Tali furono le memorie traumatiche per il sommo artista di questo luogo triste.

Entrando nel mondo del teatro di varietà Charlot divenne membro della compagnia di Fred Karno, assieme a Stan Laurel (che poi si mise assieme con Oliver Hardy come ‘Stanlio e Olio’.)

La compagnia andò a far un tour in America e, già nel 1918, Chaplin era diventato il più famoso attore, direttore e regista comico del mondo.

Ora l’ospizio infame ospita il museo del cinema, fondato da due appassionati, Ronald Grant e Martin Humphries, nel 1986.

La collezione si concentra sul fenomeno sociale del cinema. Mi ricordo le lunghe file per vedere l’ultimo film, le collezioni di cartoline di famosi attori, i sedili ‘a due’ nell’ultima fila per i fidanzatini, le mascherine in elegante divisa che mostravano i nostri posti con le lampadine tascabili color rosso, i portaceneri con lo smog delle cigarette che imbruniva le mura della sala, i venditori di gelati e bibite con il vassoio appeso sul loro collo, il concessionario in splendido uniforme, e il club per ragazzi del cinema con spettacoli il sabato mattina (la scuola in Inghilterra è solo dal lunedì al venerdì).

 

 

Più di tutto mi ricordo del passato splendore dei cinema. Costruiti in festoso stile art deco mostravano un altro mondo fantasioso, pieno di bellezze soltanto sognate. Purtroppo così tanti cinema sono stati demoliti. Però ne esistono a Londra certi capolavori come questo di Tooting.

 

 

In Italia, a Firenze, l’Odeon vicino al Palazzo Strozzi dona una bellissima idea del cinema di una volta.

cr_foto-5-cinehall_112812969383062.jpg
Tutto questo magico mondo di ‘cinema paradiso’ scomparve rapidamente con l’entrata del televisore nelle case degli inglesi. Nel mio caso, il babbo si è abbassato ad accettare una televisione (a noleggio) nel nostro salotto ma, allarmato dalla nostra fissazione sul piccolo schermo, dopo qualche settimana la restitui’ alla ditta di noleggio (Radio Rentals). Rispondendo, però, ai nostri piagnucoli, disse, ‘per ricompensa vi porterò al cinema ogni settimana’.

Più tardi ritornò l’infame televisore a casa, ma mi ricorderò sempre di quell’epoca d’oro di famiglia quando si usciva tutti insieme a vedere film come ‘The Sundowners’, ‘Cry for Happy’ e ‘The Greengage Summer’.

La collezione del museo è vasta e si può solo vedere una parte alla volta. Un portiere in splendida livrea ci ha accolto con una divertente introduzione e poi abbiamo visitato il museo.

Nella vecchia cappella del ‘workhouse’ abbiamo goduto un thè e biscotti.

 

 

La visita è finita quasi cinque ore dopo con un bel montage di film vecchi.

Insomma, per quelle ore eravamo incantati dalla magia del cinema come non ci è successo da molto tempo.

Sono sempre più dell’opinione che, vedendo il mondo com’è, la televisione danneggia la salute. Frequentero’ il cinema di più col suo grande inimitabile schermo e ritornerò a diventare bambino di nuovo!

 

 

La Storia di un’Aristocratica Italiana a Londra

Sono stata battezzata col nome Virginia, ma mi chiamano ‘Ginnie’, e sono nata di padre italiano e madre ungherese.

Frequentai una scuola di convento nella parte Rumena dell’impero Austro-Ungarico.

Mi descrivevano come una ragazza ribelle e poco ‘comme il faut’, come dicono i francesi. Per esempio, mi sono fatta fare un tatuaggio di un grande serpente sul davanti della mia gamba destra. Oggi, forse, non si batte un occhio ma a quei tempi era considerato scandaloso per una ragazza ‘per bene’ farsi tatuare.

La mia famiglia non era troppo benestante e così sono andata alla ricerca di un marito ricco. Ho scelto il conte Spinoza, un po’ anziano ma con le tasche piene! Mi regalo’ perfino una Lancia e imparai a guidarla in un epoca dove anche andare in bicicletta era considerato ‘outre’ per le donne.

Anche se potevo avere tutto quello che desideravo il matrimonio fallì. Imparai che ci vuole anche l’amore, oltre ai soldi, in un unione e il conte non mi poteva affatto soddisfare. Ho dovuto ricorrere alla Sacra Rota e il matrimonio fu annullato.
Sola, senza figli, ma con un ampio mantenimento dal vecchio, sono ritornata ad essere la signora Peirano.

Poi, durante una vacanza nelle Alpi francesi, ho incontrato l’amore della mia vita. Nato nel 1883, e più giovane di me di circa dieci anni, era il figlio minore di Sydney Courtauld, discendente di profughi protestanti francesi ugonotti, e fratello del fondatore del Courtauld institute di Londra.

La famiglia di Stephen fece la sua fortuna nell’industria dei tessili, inventando il primo tessile artificiale, il rayon, che è così simile alla lussuosa seta. Con questo brevetto è diventata la famiglia tra le più ricche del Regno Unito.

Stephen non fu soltanto ricco. Era un bel uomo e appena mi vide all’apres ski gli venne una cotta per me che non l’ha mai lasciato, anche se ammetto che sono una persona un pochino fuori dalla solita figura di aristocratica inglese con un temperamento abbastanza focoso.

Amavo però il carattere colto, timido, calmo, cauto e generoso di Stephen.
E anche coraggioso! Fu il primo a scalare, come montanaro esperto, la cosiddetta ‘faccia innominata’ del Monte Bianco quando ci siamo incontrati per la prima volta nel 1923. Per poi non parlare del suo coraggio nella grande guerra dove, a Gallipoli, nella brigata degli ‘artist’s rifles’, (composta da pittori, scrittori, artisti), gli fu conferito la medaglia all’ordine militare. (La vita media di un soldato al fronte durante quell’epoca terribile era di sole sei settimane…..).

Ci siamo sposati nel 1923 a Saint George’s Hanover Square. Stephen non entrò negli affari della sua ditta ma si dedicò invece alle opere di beneficenza e di cultura. Fece una magnifica collezione di quadri di pittori moderni e antichi; fu parte dell’amministrazione di Covent Garden e della grande Cinecittà di Ealing (era amico di Korda, marito della stupenda Merle Oberon, la Cathy nel film ‘Cime Tempestuose’ con Sir Lawrence Olivier).

La realizzazione più grande di mio marito, anzi, più correttamente, direi di noi due, fu l’acquisto per novanta nove anni del contratto di locazione dell’antico Palazzo Reale di Eltham nel 1933. Si cercava un posto vicino al centro di Londra ma quieto e campestre e l’abbiamo trovato in un fienile cadente che, una volta, faceva parte di un maestoso palazzo del re Edoardo II. Iniziato nel 1305, qui nacque il re Enrico ottavo che nel palazzo ricevette Thomas More e Erasmo!
La grande sala è la terza più grande in Inghilterra con un soffitto ligneo detto ‘a raggio di martello.’ Bastava a me vederlo per la prima volta per dire a Stephen ‘facciamo di questa desolazione la nostra casa.’

 

 

In tre anni i nostri architetti John Seeley e Paul Edward Paget trasformarono le rovine del palazzo in una dimora che, allo stesso tempo fu criticata come ‘la più bella dimora in stile ‘art deco’ delle nostre isole’ e come ‘una fabbrica di tabacchi situata nel posto sbagliato’!

Ma a noi non c’importava quello che dicevano gli altri. Quando li invitavamo alle nostre feste, quando vedevano le nostre attrezzature più moderne: la centralina telefonica, l’impianto di riscaldamento sotto-pavimento (anche per la grande sala medioevale), le camere per gli ospiti con armadi a muro, sistema radiofonico, sale da bagno en suite, il cinema….insomma, tutte le nuove tecnologie dell’epoca e tutte inserite in un palazzo con intarsi, mosaici, finestre illuminate, bas-relief…i nostri ospiti rimanevano a bocca aperta!

 

 

Il marchese Pietro Malacrida ci ha aiutato molto nel design del nostro paradiso della Londra sud-est. Erano sue le idee per le luci nascoste, i tappeti, i mobili, le porte decorate con le nostre creature preferite…

Parlando di animali non mi scorderò mai del mio amato lemure Mah-Jongg, soprannominato ‘Jonghi’. Fu comprato a Harrods nel 1923 e visse con noi quindici anni (poteva avere vissuto più a lungo – certi lemuri giungono fino a trent’anni). Veniva con noi sui nostri viaggi e aveva la sua stanza, riscaldata si capisce, con una scala di bambù dalla quale poteva scendere e gironzolare dove voleva in casa.

 

Guai a chi prendeva eccezione al nostro amatissimo Jonghi. Veniva morso! Era un ottimo giudice di carattere. Purtroppo sbaglio’ una volta. Stephen aveva sponsorizzato una spedizione aerea attraverso le zone polari nel 1930. Jonghi morse la mano del radio tecnico Percy Lemon che prese un infezione che ritardo’ la spedizione per tre mesi.
In mancanza di figli Jonghi era il nostro grande amore.

 

Non si deve però dimenticare il nostro bel alano.

Ritornando al nostro palazzo ricordiamo l’amico svedese, Rolf Engstromer, che progettò la stupenda sala d’ entrata con i suoi suggestivi intarsi evocando le città dell’Europa nordica e quella mediterranea.
L’intero complesso è circondato da un fossato attraversato dal più antico ponte di tutta Londra. Come giardiniera entusiasta mi son data a creare un giardino dopo l’altro. Mi sono particolarmente affezionata a creare quello delle rose.

 

Purtroppo tutte le cose più belle durano poche. È scoppiata la seconda guerra, mio marito fu chiamato a servizio di protezione civile e nel 1940 una bomba incendiaria del nemico colpi’ il tetto della grande sala mettendo una parte alle fiamme.

Non ce la facevo più. Ero già diventata vecchia. Non si poteva rimanere a Londra così. Nel 1944 abbiamo lasciato l’amato Eltham Palace e donato gli anni rimasti del nostro contratto di locazione all’esercito britannico che, fino al 1992, ha usato l’edificio come scuola per ufficiali militari.

Abbiamo passato i nostri ultimi anni nel paese che ora si chiama Zimbabwe e costruito un altro bel posto a Penhalonga.

the-courtaulds-by-the-pond-at--263307049.jpg

Anche lì Stephen dette molto alla comunità con fondi per nuove scuole, una galleria nazionale, un teatro e una sala di concerti.

Anch’io contribuì, migliorando la vita delle donne di Zimbabwe.

La nostra casa in Africa ora è diventata un albergo di lusso. Ci siamo poi spostati sull’isola di Jersey. Stephen morì nel 1967 e io incontrai il Redentore nel 1972.

Abbiamo avuto una vita felice e fortunata. La nostra ricchezza l’abbiamo usata a migliorare le sorti di quelli meno propizi di noi. Siamo stati patroni degli artisti e……..siamo riusciti a salvare un palazzo reale per la nazione. Godetevelo!

dscn1661_1109414985.jpg

(Io, Jonghi e Stephen)

La Chiesina Modello per ‘Via col Vento’

La chiamo la chiesa del ‘Via col Vento’ e l’ho già descritta nella seconda parte del mio post a
https://longoio3.wordpress.com/2018/04/22/7850/

Non potrei superare quella mia descrizione di una chiesina che ha servito come modello per la caratteristica chiesa rurale degli Stati Uniti.

dscn1418_1_12004197933.jpg

Mi mancava, però, di sentirne l’organo, costruito da William Drake di Buckfastleigh, Devon, nel 1991 e utilizzando la cassa storica fatta da Abraham Jordan nel 1732.

dscn1412_12096514584.jpg

La chiesina, chiamata Grosvenor Chapel, fa parte della parrocchia di Saint George Hanover Square (la parrocchia di Haendel), ed è famosa per l’alta qualità della sua musica; ogni martedì, all’ora di pranzo, si tengono concerti l’organo. Esistono già due CD del coro della cappella.

L’organista il martedì 14 agosto era Alex Flood della cattedrale di Saint Albans.

dscn1415_1-1892673484.jpg

Questo era il suo programma:

dscn1410_1-1935745985.jpg

L’organo è idoneo per questo tipo di musica, avendo le seguenti caratteristiche:

dscn1409_11594937254.jpg

La ciaccona di Buxtehude, genitore artistico di Bach, è ben nota. Meno nota è la storia di Davide e Golia di Kuhnau raccontata con musica molto descrittiva. Di Strodgers si conosce pressoché niente ma la sua fantasia era molto ben elaborata

Per me la trascrizione per organo, di Flood, della suprema ciaccona che termina la partita in re minore per violino solo di Bach era il clou del concerto.

La trascrizione, fedele allo spirito dell’originale, senza retorica romantica, ha concluso un ora di pranzo con supremo gusto e ci ha nutriti col pane spirituale che la buona musica ci può sempre donare.

Nella gran città:

chiesina campagnola,

odor di prati.

 

 

 

Piazzolla a Piccadilly

Non tutte le chiese del grande architetto rinascimentale, Sir Christopher Wren, si trovano nella City. Nel West End, a pochi passi dalla statua di Eros a Piccadilly Circus, la chiesa di Saint James, costruita nel 1685 di mattoni rossi, con rifiniture in pietra di portland stone, si presenta elegante e spaziosa.

fscn1286_11289230327.jpg

Nel suo sagrato, ci sono i mercatini: il lunedì e martedì, di cibo, il mercoledì e il sabato, di artigianato. Siamo venuti il lunedì scorso e c’era da scegliere da mangiare indiano fino a quello dell’Argentina.

 

L’interno della chiesa ha una splendida volta a botte, un organo risalente al 1686 di Renatus Harris, in restauro, con splendida cassa di Grinling Gibbons, e le consuete gallerie per i parrocchiani.

 

Di notevole valore artistico sono due opere del grande scultore ligneo, Grinling Gibbons: il dorsale dell’altare eseguito in legno di tiglio:

dscn12632096514584.jpg

e la fonte battesimale, questa volta scolpita in marmo.

 

St James (Giacomo) ha una vivace vita liturgica e culturale. E’ famosa per i suoi concerti e ci siamo venuti per sentirne uno.

Doveva essere una violinista a suonare Bach ma invece ci ha fatto alquanto piacere sentire una giovane pianista argentina, Julieta Iglesias, presentare un ‘omaggio a Piazzolla’.

Questo era il programma:

 

Non avevo mai sentito Piazzolla senza l’intervento del bandoneon. Ascoltarlo suonato sul solo pianoforte era dunque un’esperienza nuova e mi è veramente piaciuta, e emozionato, tanto.

 

L’esecuzione fluida e molto naturale di Julieta era squisita. Il suo sangue, metà argentino e metà italiano, si sentiva nel linguaggio idiomatico attraverso il quale trasmetteva il sempre presente sotto-battito del tango, qual volta lirico, qualvolta impetuoso nelle opere di Piazzolla:

Intanto il profumo di bistecca all’argentina dal mercatino entrava nella navata non solo aumentando l’atmosfera Piazzolliana ma anche la nostra fame!

Mi faceva anche ricordare quella giornata indimenticabile del 2013 quando fu celebrata alla fortezza di Mont’Alfonso, vicino a Castelnuovo di Garfagnana, la riscoperta della discendenza del grande compositore dai nonni abitanti di Massa di Sassorosso.

Il brano intitolato ‘Adios Nonino’ ebbe, così, una risonanza speciale.

Bravissima la Julieta che incoraggia anche la presente generazione di compositori argentini, in particolare Mauro de Maria.

dscn1297_1-1411070836.jpg
Ascoltate le registrazioni della Iglesias su Youtube per capirne di più.

Potrete anche consultare i miei post su Piazzolla e la sua celebrazione nella Garfagnana che troverete a:

https://longoio.wordpress.com/2013/08/12/dont-cry-for-me-sassorosso/

Terre lontane:

mestizia d’un tango,

tocco di labbra.

Le Ostriche di Whitstable

Situata sulla costiera nord della contea di Kent, Whitstable è un ridente centro le cui fondazioni risalgono all’era romana. Cresciuto da un villaggio di pescatori è poi diventato una meta per le scampagnate dei Londinesi che la raggiungevano per vaporetto lungo l’estuario del Tamigi.

Ci siamo stati per la prima volta nel 1983 e poi nel 1985.

new folder002698135668..jpeg

Ultimamente eravamo li nel 1998.

 

Ora, dopo un periodo di decadenza nelle sorti della cittadina, quando gli inglesi l’abbandonarono per le vacanze attorno il Mediterraneo, Whitstable è ritornata di moda ed è frequentatissima – affatto com’era quando siamo prima stati lì molti anni fa’. Questo cambiamento si riflette nel prezzo delle case e nell’offerta più vasta dei negozi. (Speranza per Bagni di Lucca?)

Il mare di Whitstable non è per niente profondo ed è idoneo per la raccolta di crostacei, ostriche e vongole. Il porto fu ideato da Thomas Telford, il grande ingeniere del secolo diciannovesimo che ispirò Nottolini, l’architetto del ponte delle catene a Fornoli. Attorno il porto ci sono le caratteristiche capanne dei pescatori, un mercato del pesce e dei gustosi ristoranti ittici.

Sebbene non abbia edifici di altissimo interesse storico, Whitstable contiene un suggestivo insieme di caratteristiche case ‘clapperboard’, cioè rivestite di assicelle di legno e degli edifici dell’era Giorgiana che ne fanno della sua high Street un attraente insieme pieno di varietà.

La spiaggia non è un gran che, composta dalla più parte di ciottoli. Ha, però, la sua atmosfera nordica con il miagolare dei gabbiani e le famiglie che vanno in cerca di granchi. Ho notato pochi nuotatori….

La galleria d’arte merita una visita.

Come lo merita anche il museo, che contiene un’antica locomotiva a vapore del 1830, Invicta, costruita da Stephenson figlio, e che operò nel primo servizio regolare di treni per passeggeri sulla linea conducente a Canterbury.

Come consueto, abbiamo concluso la nostra giornata a Whitstable in un pub. Ci è particolarmente piaciuto questo di epoca vittoriana. Evidentemente il landlord era appassionato di vecchie radio….

Ciao Whitstable e….alla prossima!

Anni passati,

il volo dei gabbiani:

maree nel tempo.

 

The Greatest Show in the Lucchesia!

The Italian word “Palio” can be applied to many different events. The most common use of the word is in the “Palio of Siena”, the famous horse race which takes place in the central fantailed and sloping square of this city between the various contrade or districts (all seventeen of them) at different times.

The element of competition between a town’s districts enters into the majority of palii, of which there are at least fifty-four listed in Italy (seventeen in Tuscany alone.

The Palio di San Jacopo, Gallicano’s patron saint, always occurs on 25th July every year. This extraordinary event, where allegorical floats are preceded by fantastically costumed participants enacting complex choreographies, has been going since 1972 and, apart from a few instances when it was cancelled, has been growing from strength to strength. This year the Palio is, as usual, exceptionally fabulous and anyone who misses it truly misses a great deal.

I’ve written various posts on the Palio.

https://longoio2.wordpress.com/2014/07/20/we-are-such-stuff-as-dreams-are-made-of/

https://longoio2.wordpress.com/2016/07/28/superlative-spectacle-at-gallicanos-palio-di-san-jacopo/

Like other Italian palii there is a competition between various rioni to compete for the prize. Gallicano has three rioni today (there used to be four). They are Borgo Antico, Monticello and Bufali.

Each year a new theme is given to the three rioni. This year it was ‘La differenza’.

Rione Borgo Antico presented ‘Libera – mente’ . It’s based on modern art. See if you recognize the allusion to Keith Haring’s great mural at Pisa. (There’s also Magritte, Dali and Rauchenberg among others.

Rione Bufali presented ‘Moon – la differenza tra gli atomi crea universi’. Here there are references to 1984 – especially when the date is 2084 and a Mr Smith involved.

Rione Monticello presented ‘Dipingo il mio sogno’. The setting is an ever transforming originally Parisian street corner.

Here are some pictures and movies of the evening of the 21st August: preparation and procession of allegorical floats at the 36th Palio di San Jacopo at Gallicano. It’s a marvel of imagination and choreography. Certainly for me it’s the most awesome festival of the Lucchesia!

What is so incredible is the wonderful creativity and imagination a small town like Gallicano in the middle of a remote valley can muster for its Palio. Everyone has a chance to contribute with their skills, no matter what age. For a whole year before the actual palio (and especially during the long winters) ideas are thrashed out, designs produced, costumes made. There’s sewing, cutting, pasting with every conceivable material available. Floats are meticulously built up and mechanized in a special warehouse dedicated to the palio. It’s a sort of mountain version of Viareggio but with a greater emphasis on spectacle and with universal world themes rather than sometimes heavy political satire.

The sheer love and resourcefulness put into the Gallicano palio is quite extraordinary and demonstrates fully the ability of Italians to get together, lay aside differences and produce something which I truly feel is of an international standard and equals some of the best shows of the world’s capital cities.

If you missed it on 21st August you must go to the second and final night today, July 25th.

Who won? I’ll let you know after tonight!

Meanwhile here are some movie snippets from a great evening:

https://www.youtube.com/edit?o=U&video_id=SE1shLFEgEI

 

 

https://www.youtube.com/edit?o=U&video_id=6p7OHC4Y0TU

 

 

 

 

 

Fornoli’s Speaking Guitar

Fornoli’s summer evening announced in my post at https://longoio3.wordpress.com/2018/07/12/fornolis-summer-music-and-poetry-festival/ was a great success and attendance was brim-full in that gentle summer evening.

The format was a well-tried and tested one of combining music with poetry. Sometimes the music, played by ever-developing Giacomo Brunini,  was played solo;

Sometimes it was combined with poems and stories beautifully declaimed by Marco Nicoli and Piero Nannini (with excellent cueing).

And sometimes the text was recited without guitar.

Image00001

There was one particular stand-alone story recited with typical verve by Piero Nannini from a collection of stories by a Polish writer, Slawomir Mrozek, referring to a hole in a bridge joining two towns which no-one town could decide to repair.

Image00012

I think the laughter this hilarious story aroused  was because of the resonance it had with us poor locals infested by an increasing number of pot-holes in our area.

It’s already the sixth year this unmissable event has taken place at Fornoli and every year the format is different and equally enjoyable. All praise is due to Marco Nicoli and the Mammalucco association for putting on such great and informative entertainment.